Lunedi, 29 maggio 2017 - ORE:02:02

Le statue di Kate Moss by Marc Quinn


Kate Moss by Marc Quinn

Talvolta una passione può essere tanto forte da farci compiere cose che non avremmo mai fatto. C’è chi sfrutta al meglio le proprie capacità per realizzare l’impossibile, chi magari cambia vita, o chi, come Marc Quinn, dedica una serie di statue in oro puro, in marmo e in bronzo cromato alla sua passione numero uno: Kate Moss. Niente di meglio per dichiarare la propria “ossessione” per super modella britannica al mondo intero.

Nello scorso 17 ottobre, una delle statue in oro puro è stata battuta all’asta per ben novecento mila dollari, l’acquirente è un collezionista asiatico colpito dalla posizione in cui è immortalata la Moss. 18 carati d’oro puro, la statua in oro più grande dai tempi degli antichi egizi. Il 7 novembre 2012 una seconda statua di Quinn è stata battuta all’asta sempre per novecentotto mila dollari. Un dettaglio da non trascurare: Quinn ha pensato bene di esaltare le forme del suo affascinante soggetto rappresentando Kate Moss in svariate posizioni yoga. Se Kate sia davvero una contorsionista non ci è dato saperlo, ma il suo fascino ha stuzzicato la creatività di Quinn che l’ha raffigurata in posizioni yoga molto impegnative, che esaltano il viso e le gambe della top model. Posizioni, a dirla tutta, piuttosto piccanti, ma si sa, nelle ossessioni c’è sempre qualcosa di perverso.

La serie di statue sono state esposte al British Museum di Londra, come una Venere di Milo o la Nike di Samotracia la nostra Venere del Ventunesimo secolo ha trovato pianta stabile in uno dei musei più importanti del mondo. Quinn ha dichiarato di aver scelto Kate Moss come soggetto prediletto perchè, dal suo punto di vista, incarna la bellezza del nostro millennio, risponde ai canoni estetici dell’Occidente moderno. L’arte occidentale ha cercato spesso di catturare la Bellezza, di immortalarla e rappresentarla, gli artisti incarnavano il Prometeo che derubava agli dei la Bellezza e la porta tra gli uomini, rendendola accessibile. Kate Moss incarna la bellezza, e così Quinn ha pensato bene di farne un’opera d’arte. Non si sa ancora come la Moss abbia reagito ad una tale onoreficenza, è nata sotto i riflettori, è la modella per antonomasia, la glorificazione del suo corpo era già Arte ai tempi del 1990, con i primi scatti per la rivista The Face. Forse il fatto che la sua statua sia stata esposta al British le avrà fatto correre un brivido lungo la schiena, nulla di più, ma chi può saperlo. Marc Quinn è diventato milionario glorificando la sua musa, cosa c’è di più soddisfacente che fare quello che si ama con chi si ama?



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 3 minutes, 2 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.