Sabato, 21 ottobre 2017 - ORE:18:00

Giorgio Perlasca: un uomo da non dimenticare


Smartwatch free

Mentre il segretario di Stato degli USA, Hillary Clinton, e il ministro degli esteri svedese, Carl Bildt, hanno scritto insieme una lettera al New York Times per ricordare il giovane diplomatico Raul Wallenberg, il cui eroico impegno riuscì a salvare migliaia di cittadini ebrei ungheresi durante la deportazione del 1944, in Italia il nostro parlamento, nella settimana in cui cade il Giorno della Memoria, non dice una parola per ricordare Giorgio Perlasca. Dal nostro punto di vista, in un periodo storico nel quale l’Italia, per colpa della sua mediocre classe politica, è lo zimbello d’Europa e non solo, ci sembra doveroso ricordare a tutti che è esistito un italiano come Giorgio Perlasca.

Questi, che era stato un volontario nella guerra civile spagnola dalla parte del generale Franco, che era stato un convinto sostenitore di Mussolini e del fascismo, si finse console spagnolo a Budapest, durante i giorni dei rastrellamenti di Adolf Eichman, e salvò dalla deportazione, con immenso coraggio, migliaia di cittadini ebrei ungheresi. Perlasca si recò presso molte stazioni, per impedire che gli ebrei venissero spinti sui treni, e distribuì ai cittadini che stavano per essere deportati falsi documenti spagnoli. Fu proprio grazie a questi finti documenti, che attribuivano agli ebrei la cittadinanza spagnola, che Perlasca riuscì a salvare i deportati dai campi di sterminio.

Secondo alcune fonti gli ebrei salvati dalla deportazione dall’impegno di Perlasca sono circa 5.200. A Budapest, nel giardino della Sinagoga, è stata esposta una lapide, il memoriale dei giusti, con scritto il suo nome. Al museo Yad Vashem di Gerusalemme è stato piantato un albero intitolato all’eroe italiano. In Israele gli è stata dedicata una foresta di 10.000 alberi, che sono il simbolo degli ebrei da lui salvati in Ungheria. Quando la Clinton ha citato Perlasca nel suo discorso, riferendosi al suo passato fascista, ha parlato del “mistero dei giusti”. Lo scrittore Enrico Deaglio, autore di “La banalità del male. Storia di Giorgio Perlasca”, ha avuto un colloquio con quest’ultimo nel quale Perlasca gli ha detto: “Dicono che l’occasione fa l’uomo ladro. Nel mio caso l’occasione induce l’uomo ha mettersi tra salvezza e sterminio”. Un altro celebre scrittore, Gabriele Nissim, autore del famoso “L’uomo che fermò Hitler”, vuole dedicare a Perlasca uno speciale giorno, oltre che di ricordo, di rievocazione, ricostruzione e dibattito.

Per quanto ci riguarda, siamo orgogliosi di ricordarlo, anche per dimostrare a tutti che l’Italia non è solo quella delle barzellette di Berlusconi e dei gestacci di Bossi; anche noi abbiamo figure, come Giorgio Perlasca, delle quali si può ancora oggi andare fieri.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 2 minutes, 50 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.