Giovedi, 29 giugno 2017 - ORE:10:59

Chagall e Saint-Paul de Vence: ispirazione e scoperta

Saint Paul de Vence

Saint-Paul de Vence

Saint-Paul de Vence: culla dei lavori più belli di Chagall

Vai in vacanza a Nizza, in Costa Azzurra, e scopri che lì vicino, a Vence, ha abitato uno degli artisti che più apprezzi: Marc Chagall. Non solo: scopri che la piccola cittadina di Saint-Paul de Vence ha ispirato alcuni dei suoi lavori più belli, e che lì, in quel piccolo borgo arroccato, questi sono esposti in una mostra permanente.

Oggi Saint-Paul de Vence è uno di quei paesini in cui tutto sembra stucchevolmente perfetto, quasi una di quelle sfere di vetro con neve annessa, che non puoi fare a meno di scuotere incantata. Saint Paul de Vence è esattamente ciò che ti aspetti dal Sud della Francia, vetrina accuratamente allestita di un immaginario passato e romantico, quadretto che volutamente mantiene un’ atmosfera un po’ vintage. Quadretto anche piuttosto costoso, a dire il vero.

Ad ogni modo è inevitabile: Saint-Paul de Vence ti conquista, e così fece con Chagall, ispirando una produzione poetica e fiabesca.

Era il 1950 quando il pittore russo comprò la villa, detta “Les Collines“, destinata a rimanere per anni sede della sua attività e dell’ ultima fase della sua vita. E’ il cosiddetto “periodo mediterraneo” dell’artista, caratterizzato dall’impiego di colori brillanti e vivaci, soprattutto resi intensi dall’uso e dalla manipolazione della luce.

“Quando ero bambino, forse avevo nell’anima una certa tinta, che era come il sogno di una particolare sfumatura di azzurro. E il mio istinto mi attirava verso il luogo dove, per così dire questo colore si andava raffinando.”

Ecco ciò che disse Chagall a proposito della Costa Azzurra.

E allora l’azzurro in primis, e poi il viola, il giallo, il verde, lo scarlatto

Opere Chagall

Ma anche il romanticismo:

“Nella nostra vita c’è un solo colore, come sulla tavolozza di un pittore, che fornisce il senso della vita e dell’arte. E ‘il colore dell’amore.”

Gran parte dei quadri che egli dipinse qui sono infatti poetici inni all’amore: nello spazio impregnato di un blu luminoso coppie di innamorati circondati da mazzi di fiori, uccelli, altri animali, si librano sui paesaggi sottostanti. Sono significativi in questo senso lavori come “Les Amoureux“, “La Vie“, “Coppia nel paesaggio Blu“, “Bouquet di fiori e amanti“.

Ad oggi alcuni di questi dipinti si trovano nella Fondazione Maeght, sempre a Saint-Paul, che espone permanentemente opere di artisti, pittori e scultori del Novecento, tra cui Pierre Bonnard e Georges Braque, Alberto Giacometti.
Non solo, Saint-Paul de Vence rende omaggio al pittore che l’ha tanto celebrata disponendo agli angoli delle strade fotografie e brevi estratti biografici di Chagall e del suo periodo in Costa Azzurra.

E infine, nel cimitero della cittadina, si trova la sua tomba, contraddistinta non da grandi dimensioni, ma da eloquenti piccoli sassi sparsi sul marmo bianco della lapide, lasciti dei vari visitatori. Uno, il più rotondo di tutti, è impreziosito sulla superficie dalla dedica affettuosa di due ragazzi coreani, che si firmano aggiungendo uno stilizzato autoritratto a pennarello.

Il bello di viaggiare senza la guida a portata di mano è proprio scoprire aspetti e luoghi capaci di sorprenderti, per la loro bellezza, per la loro storia, per i legami con fatti e personaggi che magari conoscevi appena.
Sorpresa e meraviglia, due elementi che contribuirono senz’altro a quest’ultima fase creativa di Chagall, romantica e vibrante di gioia di vivere.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 3 minutes, 41 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.